19 agosto 2012

Sole spento.

<<Sono qui, aspetterò. Io aspetterò, il mio momento.>>

Dopo l'abbuffata di giovedì, i successivi due giorni ho mangiato "normalmente", essendo costretta a due cene fuori. Per normale intendo non più di 1200kcal, quindi il mio peso x dovrebbe essere rimasto stabile. Dopo la fase di disperazione totale davvero ho capito che non ha senso pensare a se e ma, al passato. Non è questione di ignorare e rimuovere: so di essere stata una testa di cazzo, so che appena arrivata qui pesavo 71,5kg e in un mese avrei potuto pesarne ben meno di 60kg e tornare davvero diversa, so che martedì (pochi giorni fa) pesavo 70,5kg e il giorno dopo sicuramente meno mentre ora di più, so che se anche "solo" da mercoledì non avessi fatto la testa di cazzo a quest'ora peserei ben meno di 70kg (anche se magari non 65kg come sperato), so che ho resistito qui solo per poter dimagrire, sopportando di tutto (compreso questo posto che odio con tutto il cuore, con tanto di caldo e sudorazione costante, per me insopportabili) e nemmeno quello sono riuscita a fare. So benissimo tutte queste cose. Compreso il fatto che facendo le corna, metti che sia oggi che domani mangiassi tranquillamente, peserei di più di quando sono arrivata qui, addirittura. Neanche uguale o poco meno, anche di più, esiste questa possibilità. Ricordo anche benissimo il ritorno di mesi fa dallo stesso posto, quando una volta a casa dall'aereoporto ero andata a dormire ma in realtà ero sveglia, mio padre è rientrato a casa (dopo di me, quindi non ci siamo visti) ed ho sentito che chiedeva a mia madre se ero dimagrita e lei ha risposto di no, anzi. Da altri viaggi successivi e da sola sono tornata con kg e kg in meno, ma questa è un'altra storia. Del tipo che io qua con mia sorella non ci tornerò MAI più. Ma non diamo la colpa ad altri, adesso. In ogni caso, dopo essermi pesantemente odiata, ho pensato che davvero è inutile e non porta da nessuna parte. Io mi faccio schifo, ma limitandomi a pensare questo, cosa raggiungo? Niente. Poi certo, anche quando mi amo, tirando le somme raggiungo lo schifo. Ma non sempre, non subito almeno. Prima o poi ce la devo fare. Se dovessi morire oggi sarei solo lacerata dall'odio per me stessa per aver sprecato un'altra possibilità, ma io ho un domani (salvo un infarto entro breve, possibilissimo) e non voglio arrendermi, per quanto io provi e fallisca ormai da anni. Non voglio arrendermi e con difficoltà voglio provare a tornare positiva o quantomeno vedere un futuro, pensarci.

Concretamente, il piano è di due giorni solo proteici per poter dimagrire e soprattutto sgonfiarmi il più possibile (almeno 2kg li perderò), gli ultimi due giorni che mi rimangono qui, e quindi martedì di pesare massimo 70kg, dato che ora dovrei pesarne almeno 72kg. Quindi, settanta chili...che fanno si schifo, ma è sempre un record per me e soprattutto un punto di partenza molto meno terribile di 75kg e passa. Devo solo recuperare l'abbuffata ed i giorni "normali" (come se io lo fossi, poi) nelle 48h che mi restano. E poi, direi di piantarla di farsi obiettivi come -5kg a settimana in meno sicuri!

Obiettivi umanamente raggiungibili 
(è inutile fare piani divini se poi altro non sono che una testa di cazzo, almeno per ora.
  • week 20-26: 68kg (-4kg)
  • week 27-2: 64kg (-4kg)
  • week 3-9: 60kg (-4kg)
  • A 60kg non sarò mai arrivata all'obiettivo finale, ovviamente, ma mi interessa il giorno del mio compleanno la seconda settimana di settembre, per cui il minimo accettabile è di pesare 60kg (che sarebbero normali e anzi, data la mia conformazione fisica dovrei essere più che decente, anche con poco più di 60kg), magari per questioni di principio salutare il 6, intendendo anche un 59kg. E poi ovviamente si continua, ma la prima mini tappa è di rivedere i 70kg per quando torno e la seconda di perdere 10kg entro il mio compleanno.

    Tra l'altro è umiliante scrivere quasi ogni giorno obiettivi di peso che mese dopo mese falliscono clamorosamente. Ma trovo sbagliato cancellare tutto e far finta di niente: la mia merda resta pubblicamente qui. Ma leggedo obiettivi e sapendo che ora magari peso mille chili in più mi farebbe venir voglia di strapparmi la lingua, in senso figurato. Che poi la vita è curiosa: per quasi vent'anni mi è stato detto di tacere e che parlavo troppo, poi si è passati per la fase in cui venivo semplicemente ignorata o comunque mi facevano amaramente pentire di aver aperto bocca, e ora fanno tutti battute sul fatto che se gli concedo l'onore di sentire la mia voce non si offendono, o chiedono se sono viva o sto dormendo (ancora più curioso, questo proprio dalle persone vicine che mi hanno sempre detto di stare zitta).

    A parte questo, sono a quota due cappuccini, anche se volendo potrei magiarmi pure due mucche e in teoria non ingrassare, se sto lontana da carboidrati e grassi. Ma dopo questi giorni mi nausea la sola idea.


    p.s: grazie a tutte per i commenti, so di non avere scuse ma ora non ce la faccio: appena torno, a questo punto, passerò a leggervi e commentarvi (che poi ho almeno un nuovo blog da leggere dall'inizio!). sorry.

    6 commenti:

    1. Sai che c'è? Io ti trovo adorabile, e tu, beh... tu pensi troppo! Rilassati, non farti venire l'acidità di stomaco per un numero, ti prego!
      Devi essere una ragazza veramente in gamba e adoro come scrivi, ma tu ti angosci troppo per il numero che ti aspetti di trovare ogni dannato giorno sulla bilancia!
      E' stato così anche per me per molto tempo, quindi come darti torto, stella... però in questa fase di massacro psicologico che credo tu stia facendo contro te stessa, (ovviamente mi dispiace,ma credo che sia così), ti consiglio di misurarti con i tuoi vestiti, guardare come il corpo visivamente è cambiato, e lo è, visto che il peso lo hai perso effettivamente... cerca di essere più indulgente verso te stessa, o forse finirai per volere sempre di più, e sarà sempre più frustrante non riuscire a raggiungere i tuoi obiettivi! solo perchè non li hai raggiunti nelle date che ti eri prefissata non vuol dire che non li raggiungerai! La calma è la virtù dei forti... te lo dice una che ci ha messo 17 mesi a perdere 30 chili... ce la farai, anche se a te non sembra così, hai tutto il tempo... ma ti prego, RELAX!
      *V*

      RispondiElimina
    2. Madonna mi sembra di leggere davvero me stessa!!!!!
      Purtroppo consigli non ne ho , essendo nella tua stessa identicissima situazione e non avendo soluzioni per me non so darne a te in questo momento.
      Io ti do il mio sostegno telepatico :)

      un bacione <3

      RispondiElimina
    3. Guardare agli errori appena commessi è demotivante. Pensa che da adesso ha inizio il resto della tua vita. Distruggi ciò che ti distrugge...i lati di te che ti fanno porvare così tanto odio.
      P.s.: nel post parlavo proprio di quel ragazzo, in particolare. Mi auguro che le persone di cui parli esistano davvero.

      RispondiElimina
    4. Ehilà, vedo che la situazione è praticamente la stessa...
      Possiamo farcela anche noi: armiamoci di forza di volontà e andiamoci a prendere quello che ci spetta! :D
      Un abbraccio.

      RispondiElimina
    5. ti seguo... :) baci

      RispondiElimina
    6. meglio partire da obiettivi raggiungibili!
      ce la farai!

      RispondiElimina

    Se ci fossero altri visitatori all'infuori di questo mondo, più che al rispetto inviterei agli insulti, per il semplice motivo che non esiste alcuna ragione al mondo per cui io possa essere insultata (riguardante il mondo dei dca, quantomeno) e potrei felicemente rispondere ed argomentare qualsiasi critica o altra stronzata. Ma tanto sono sfigata e il karma non mi accontenta mai, c'est la vie. Per le altre, invece: grazie di essere passate.